CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

 

La Legge di Bilancio 2021 ha ulteriormente esteso i benefici del credito di imposta sulla formazione 4.0 che prevede un credito di imposta fino al 50% sulle spese sostenute dalle aziende per la formazione in ottica industria 4.0.

La misura è volta a stimolare gli investimenti delle imprese nella formazione del personale sulle materie aventi ad oggetto le tecnologie rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.

BENEFICIARI

 

  • Tutte le imprese, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalle dimensioni, dal regime contabile adottato e dalle modalità di determinazione del reddito ai fini fiscali.
  • Anche gli enti non commerciali per l’attività commerciale eventualmente esercitata.
  • Non possono beneficiare dell’agevolazione i professionisti (o, più precisamente, i soggetti titolari di reddito di lavoro autonomo).

AGEVOLAZIONI

 

Il credito d’imposta in percentuale delle spese relative al personale dipendente impegnato nelle attività di formazione ammissibili, limitatamente al costo aziendale riferito alle ore o alle giornate di formazione.

In particolare, è riconosciuto in misura del:

50% delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di € 300.000 per le piccole imprese;

40% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di € 250.000 per le medie imprese;

30% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di €. 250.000 le grandi imprese.

La misura del credito d’imposta è aumentata per tutte le imprese, fermo restando i limiti massimi annuali, al 60% nel caso in cui i destinatari della formazione ammissibile rientrino nelle categorie dei lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati, come definite dal decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 17 ottobre 2017.

Sono ammissibili al credito d’imposta anche le eventuali spese relative al personale dipendente ordinariamente occupato in uno degli ambiti aziendali individuati nell’allegato A della legge n. 205 del 2017 e che partecipi in veste di docente o tutor alle attività di formazione ammissibili, nel limite del 30% della retribuzione complessiva annua spettante al dipendente.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili.

INTERVENTI AMMISSIBILI

 

L’agevolazione può essere utilizzata per la formazione sulle tecnologie previste dal Piano Nazionale Industria 4.0. Quindi sui temi:

  • big data e analisi dei dati;
  • cloud e fog computing;
  • cyber security;
  • sistemi cyber-fisici;
  • prototipazione rapida;
  • sistemi di visualizzazione e realtà aumentata;
  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo macchina;
  • manifattura additiva;i
  • internet delle cose e delle macchine;
  • integrazione digitale dei processi aziendali.

Le attività formative dovranno riguardare i seguenti ambiti:

vendita e marketing; informatica e tecniche; tecnologie di produzione.

Non possono essere agevolate le attività di formazione ordinaria o periodica che l’impresa organizza per conformarsi alla normativa vigente in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, di protezione dell’ambiente e ad ogni altra normativa obbligatoria in materia di formazione

SPESE AMMISSIBILI

 

Le spese ammissibili al credito di imposta formazione 4.0 sono:

  • le spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  • i costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione; escluse le spese di alloggio, ad eccezione delle spese di alloggio minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità;
  • i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • le spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

Per il calcolo del credito spettante, si terranno in considerazione le sole spese relative al personale dipendente impegnato come discente nelle attività di formazione limitatamente al costo aziendale riferito rispettivamente alle ore o alle giornate di formazione.

Il personale dipendente che partecipi agli interventi formativi in veste di docente o di tutor alle attività di formazione ammissibili, contribuisce al calcolo delle spese ammissibili per un massimo del 30% della sua retribuzione complessiva annua.

COME POSSIAMO ASSISTERVI

STRUTTURIAMO IL
PROGETTO FORMATIVO

EROGHIAMO LA
FORMAZIONE

CERTIFICHIAMO LE
COMPETENZE

RENDICONTIAMO
LE SPESE

COOPERATIVA SERVIZI E FORMAZIONE è soggetto attuatore sui più importanti Fondi Interprofesionali e grazie alla cumulabilità degli interventi l’azienda beneficiaria potrà ottenere risorse aggiuntive per finanziare la formazione 4.0

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart